Cosa può fare un articolo di giornale

15 Dicembre 2023


La cronaca, le interviste e le lettere nei giornali. Tutto questo contribuisce a dare una forma alle opinioni che circolano su alcuni temi.

A loro volta orientano la percezione della realtà e il sentire comune.

Ci piaccia o no, è così.

Nel mio lavoro, conoscere il sentire comune è il primo passo per avviare un percorso di cambiamento della città, del quartiere, del territorio.

Perché mi trovo spesso a maneggiare questa dimensione, che ogni tanto diventa un ostacolo con cui fare i conti.

Le analisi tradizionali non riescono però a inquadrare questi aspetti. Ecco perché da alcuni anni ho creato un metodo per leggere e analizzare in modo sistematico la rassegna stampa.

Come funziona?

Vi mostro l’ultima evoluzione di questa tecnica applicata al lavoro in corso sul Piano della Mobilità Sostenibile di Palermo e i risultati a cui sono arrivato.

Ci sono tre fasi:

1. Decidere le fonti, il periodo e le chiavi di lettura

Per Palermo, abbiamo preso in esame più di 250 articoli, da 10 testate giornalistiche nazionali e locali, negli ultimi 15 mesi. Le chiavi di ricerca sono parole sui temi del Piano: #mobilità sostenibile; #mobilità attiva; #trasporto pubblico #ciclabile e così via.

2. Lettura qualitativa

Dal titolo fino al contenuto, ogni articolo è schedato con le parole chiave degli argomenti letti: argomento, luogo, persone. soggetti protagonisti.

3. Costruire una base-dati organizzata

(In excel, per capirci), dove è possibile incrociare tag e parole chiave per capire meglio quello che ci interessa.

E poi, come rappresentarlo? infografiche e mappe.

Alla fine, arriviamo ad avere una base dati organizzata. Le elaborazioni che ci interessano le possiamo raccontare con delle infografiche. Ma possiamo fare di più: rappresentare queste informazioni con alcune mappe tematiche molto facili da leggere.

Nel caso di Palermo, una mappa metropolitana con i temi caldi della mobilità e il “sentiment”, ovvero l’umore, il tono degli articoli – uno degli attribuiti dati dalla lettura degli articoli. Sentiment positivo quando si tratta di nuove progettualità, sentiment negativo in caso di polemiche e criticità.

rassegna stampa sulla mobilità nell’area metropolitana di Palermo – temi e sentiment negativo (fonte: TPS pro / Città metropolitana di Palermo)

Con questa tecnica è possibile capire:

  • i temi “caldi”
  • le posizioni in campo e i soggetti più attivi
  • la percezione e le richieste più frequenti
  • le proteste e i conflitti

Sono cose che tutti sanno, ma sono difficili da schematizzare. E soprattutto da portare dentro la progettazione di un piano urbanistico.

Nel mio lavoro, infatti, queste cose le devo conoscere. Non solo per “farsi un’idea”, ma per prevedere i problemi e gli ostacoli che il mio lavoro porterà in emersione. Non è una cosa da poco.

Alla prossima!

ps

Se vuoi approfondire, trovi qui il report completo di Palermo.

***

Elaborazioni delle immagini: TPS pro – Vicky Solli e Stefania Manzo